27 novembre 2017 at 11:08  •  Posted in Canto dei popoli, In Evidenza, Musica by  •  0 Comments

Questo mare è pieno di voci

Musica e parole dal Mediterraneo e oltre

Isabella Mangani, voce e narrazione

Stefano Donegà, chitarre, bouzouki

contributo 8€ info e prenotazioni: paolo.faiella.58@gmail.com

 

Uno spettacolo di contatto: reale, di carne e scambio di calore, ma anche tra due cuori. Come scrive Eduardo Galeano, ci si può abbracciare anche senza toccarsi.

Isabella Mangani ha costruito un itinerario per mare – navigando su una barca fatta di canzoni, prosa e poesia – ma col pensiero a terra. In fondo quel che cerca ogni barca è un porto sicuro, due braccia aperte, una baia calma in cui gettare l’ancora.

Con i loro canti, i loro suoni e i personaggi che evocano attraverso le loro parole, Isabella Mangani e Stefano Donegà vogliono essere il vento buono che gonfia le vele, ma anche la brezza che sazia i polmoni di chi resta sul molo, ad aspettare chi è partito o ad accogliere lo sconosciuto.

Il vento dei buoni presagi.

E allora lasciatevi sollevare da sonorità partenopee, lasciatevi soffiare dolcemente verso canti portoghesi, giudaico-spagnoli, italiani, arabi e via, con tutta la forza dei venti oceanici più in là, verso il Sud America e poi di nuovo, sospinti da un vento levantino, verso luoghi vicini alle nostre terre. Respirate a pieni polmoni le emozioni che una chitarra o un bouzouki riescono a suscitare, immaginate i popoli e la loro storia, evocati da testi in tante lingue di cui non è essenziale capire il significato perché il senso è quello che darà loro il vostro cuore.

Come recita un bel proverbio occitano, il vento fa il suo giro. Tutto torna.

 

Isabella Mangani

Nasce e cresce a Napoli, la vita e la volontà la portano a trasferirsi in Emilia Romagna, Austria, Portogallo e poi nel Lazio.

Studia tecnica vocale con Marco Calcinelli, Raffaella Misiti, canto popolare con Gabriella Aiello, tecnica Linklater per l’uso della voce, ear training e improvvisazione vocale con Bruno Corazza, segue numerosi seminari di igiene vocale con foniatri e logopedisti e stage di canto con Claudio Fabro, Susanna Stivali, Andrea Rodini, Elena Ledda e Simonetta Soro.

Canta in coro ovunque vada ad abitare, ininterrottamente dal 1996.

È stata voce del gruppo Musicimigranti e Fado entre Rios per poi intraprendere una carriera da solista con numerosi spettacoli in duo, trio e nel gruppo La ‘Ntisa Stesa. Ha collaborato con il progetto Fabrica – musica e letteratura in costruzione, e collabora tuttora con le compagnie teatrali Un Amleto di troppo e Diritto e Rovescio, nonché con la regista e drammaturga Orietta Borgia. Fa parte di Cantiere TerreDonne.

Si è esibita su Rai1, Radio3, in numerosi teatri grandi, medi e piccoli d’Italia, in ristoranti, in osterie, in piazze, a casa della gente, in Italia e in Portogallo. Dove si può portare un messaggio in musica e parole e dove si rispetta il suo lavoro, va.

 

Stefano Donegà

Ha studiato chitarra fingerstyle con Stefan Grossmann, tecnica chitarristica e arrangiamento con Stefano Scatozza e Marcello Peghin.

Ha collaborato a molti progetti musicali e teatrali con alcuni dei maggiori artisti della scena popolare italiana: Ambrogio Sparagna, Lucilla Galeazzi, Sara Modigliani, Gabriella Aiello e per molti anni con la Scuola popolare di Musica di Testaccio.

È fondatore e membro de La ‘Ntisa Stesa, gruppo vocale e strumentale di riproposizione di canti dal 1400 a oggi; collabora con Isabella Mangani in progetti riguardanti il fado, la musica napoletana e il teatro/canzone. Fa parte di Cantiere TerreDonne. È ospite quale attore e musicista in vari spettacoli teatrali in scena in Italia.

Leave a Reply